Home » Attualità » Attualità » Mirko Busto: “la diga in Valsessera non garantirà l’autosufficienza”
Mirko-Busto, movimento 5 stelle, cavaglià, discarica

Mirko Busto: “la diga in Valsessera non garantirà l’autosufficienza”

Il Movimento 5 Stelle contro le costruzioni faraoniche.

“L’unica soluzione per salvaguardare il nostro ambiente, la nostra terra e la sua capacità produttiva da siccità, desertificazione e catastrofi naturali è un piano a lungo termine fatto di tante piccole opere utili, abbandonando qualsiasi progetto faraonico. Per esempio, la diga in Valsessera, una grande opera di dubbia utilità ma di certo con un enorme impatto ambientale ed economico”. Lo afferma il parlamentare 5stelle, Mirko Busto, membro della commissione ambiente alla Camera dei Deputati.

“La diga in Valsessera non garantirà l’autosufficienza idrica negli anni a venire. Anzi – continua Busto – gli agricoltori, in futuro, potrebbero ritrovarsi a dover contrattare il prezzo dell’acqua con un solo gestore monopolista invece di attingere a risorse proprie, più affidabili e certamente più economiche”.

“Non condivido la giustificazione del cambiamento climatico sollevata da un’associazione di agricoltori per sostenere il progetto d’invaso. Al summit di Parigi, come soluzione al clima impazzito, ho invece parlato di una nuova economia rispettosa dell’ambiente e che salvaguardi gli sprechi d’acqua e di materie prime – afferma Busto – Non abbiamo bisogno di più acqua, ma di razionalizzare l’uso di quella esistente, usando al contempo l’agricoltura per scopi ambientali, in altre parole per sequestrare nel sottosuolo le emissioni di carbonio che contribuiscono all’innalzamento climatico”.

“Come M5S ribadiamo la nostra sfiducia nel progetto. Il cambiamento climatico non può in alcun modo essere utilizzato per dimostrare l’utilità di questa diga. Non è l’ambiente biellese a dover essere stravolto, ma è l’agricoltura a doversi adattare a un nuovo modello economico sostenibile e, sul lungo periodo, più redditizio. L’invaso proposto è un’opera appunto faraonica, che mi ricorda la storia di una piramide egizia, conosciuta come la ‘piramide di Meidum’ – conclude Busto – durante la sua costruzione che avrebbe dovuto farla svettare in altezza per ben 92 metri, il rivestimento crollò”.

2 commenti

  1. Ma invece di spendere tanto per una diga, non sarebbe più semplice predisporre nei 36 comuni della baraggia di 6 scavi da 1000×1000 metri profondi 2 mt contenenti 2.000.000 mq di acqua da cui attingere con pompe e distribuire secondo le necessità. o risparmiare non fa parte del DNA dei 36 comuni e del Consorzio Baraggia? Impariamo dall’Impero Romano a gestire le acque senza tante dighe.

Lascia un Commento